Promozione Umana

X un sì alla vita

I GRANDI MAESTRI DELL'UMANITA' - Susanna Tamaro

« back Notizie | L'opinione di Don Chino

susanna1

Susanna Tamaro nasce a Trieste, il 12 dicembre del 1957. Scrittrice di best seller, ha lavorato per anni anche come autrice per la televisione, cominciando la sua carriera creativa nell'ambito dei documentari e prendendo parte come curatrice ed ideatrice a diversi programmi scientifici.

Susanna Tamaro deve sin da subito fare i conti con una situazione molto difficile, sulla quale tornerà in futuro nelle sue stesse opere, traendo linfa creativa e drammatica per i suoi romanzi. Quando è ancora molto piccola infatti, i suoi genitori si separano poco dopo la sua nascita, e lei viene affidata alla nonna materna,.

Grazie all'alto profitto scolastico, si guadagna il biglietto per il trasferimento a Roma, aggiudicandosi una borsa di studio per frequentare il Centro Sperimentale di Cinematografia romano. Con la letteratura, il cinema ricopre un ruolo importante tra i suoi interessi.

Il diploma in regia, con il cortometraggio d'animazione dal titolo "L'origine del giorno e della notte", ispirato alla civiltà Inca, arriva dopo quasi un anno. Nell'estate del 1977 comincia a collaborare in qualità di aiuto-regista e assistente con Salvatore Samperi, il quale proprio in quell'anno è a Trieste per girare il film "Ernesto", tratto dall'omonimo libro di Umberto Saba.

E' il 1989 segnare l'inizio a tutti gli effetti della sua carriera di scrittrice. La casa editrice Marsilio vuole lanciare sul mercato una collana di giovani scrittori inediti e la Tamaro decide di inviare un manoscritto, dal titolo "La testa fra le nuvole", il quale diventa il suo primo romanzo edito. Nello stesso periodo, causa anche le condizioni ambientali della città di Roma, ove risiede, si ammala di bronchite asmatica.

Il successo la coglie poco più che quarantenne, quando pubblica, nel 1994, il romanzo dal titolo "Va dove ti porta il cuore", il quale la fa conoscere in campo internazionale, vendendo oltre 14 milioni di copie in tutto il mondo.  Nel romanzo ci sono ricordi autobiografici della sua infanzia con la nonna.  La nonna dice alla nipote:                       

“E quando poi davanti a te si apriranno tante strade e non saprai quale prendere, non imboccarne una a caso, ma siediti e aspetta. Respira con la profondità fiduciosa con cui hai respirato il giorno in cui sei venuta al mondo, senza farti distrarre da nulla, aspetta e aspetta ancora. Stai ferma, in silenzio, e ascolta il tuo cuore. Quando poi ti parla alzati e va’ dove lui ti porta”.

“Non piangere quando non ci sarò più, io ci sarò ancora, vivrò nella tua memoria con bei ricordi: vedrai gli alberi, l’orto, il giardino e ti verranno in mente tutti i bei momenti passati insieme. La stessa cosa ti succederà se ti siederai sulla mia poltrona, o quando farai la torta che ti ho insegnato a fare oggi, e mi vedrai davanti a te con il naso sporco di cioccolato e sorriderai!”.

“Le lacrime che non escono si depositano sul cuore, con il tempo lo incrostano e lo paralizzano come il calcare che incrosta e paralizza gli ingranaggi della lavatrice”.